Dissesto idrogeologico: 11 miliardi di euro in tre anni

Sono quattro le parole chiave di questa rivoluzione: prevenzione, emergenza, manutenzione e semplificazione. Su questi punti chiave diamo vita a un massiccio riordino delle norme e delle risorse che mai nessun partito o forza di Governo fino ad oggi si è preoccupato di portare ad unità.

Lo stanziamento è di circa 11 miliardi per il triennio 2019-2021 ma la strategia del piano guarda lontano, fino al 2030, segno che nella tutela e nella crescita del Paese investiamo con coraggio. Non solo: non c’è dubbio che in questo modo daremo un forte impulso allo sviluppo del nostro mercato del lavoro perché, come evidenzia il Cresme, un miliardo di euro speso in grande opere genera occupazione per 500 persone, lo stesso miliardo speso in ristrutturazioni, riqualificazioni, tutela del territorio, dissesto idrogeologico e in generale nell’economia green ne produce 13.000, circa 25 volte tanti.

Entro fine aprile sarà definito un piano con le opere urgenti che potranno essere completate già entro il 2019, con un budget a disposizione di circa 3 miliardi di euro.



Commenti

Post popolari in questo blog

Proposta per la difesa dei valori e dei principi della Costituzione

L’appello per un’alleanza antifascista promosso da Anpi, sindacati, Pd, sinistra, Sardine e M5s

Leggi sul crimine organizzato di tipo mafioso in tutti gli Stati Ue: sì dell’Europarlamento.

SEMATIC DI OSIO SOTTO