- #InformazioneFormazioneAzione - Mail:capriatesg5stelle@gmail.com - WhatsApp:+393343992898 -

martedì 29 gennaio 2019

“La nostra casa è in fiamme”: Greta Thunberg esorta i leader ad agire sul clima.




La giovane attivista svedese Greta Thunberg, chiede agli economisti di tutto il mondo di affrontare il problema del riscaldamento globale.

Ecco il suo discorso a Davos:

Secondo l’ IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), siamo a meno di 12 anni dal non essere in grado di annullare i nostri errori. In quel momento si saranno verificati cambiamenti senza precedenti, compresa una riduzione delle nostre emissioni di CO2 di almeno il 50%.

Nei posti come Davos, alle persone piace raccontare storie di successo. Ma il loro successo finanziario è arrivato con un prezzo impensabile. E sul cambiamento climatico, dobbiamo riconoscere che abbiamo fallito. Tutti i movimenti politici nella loro forma attuale lo hanno fatto e i media non sono riusciti a creare un’ampia consapevolezza pubblica.

Ma l’ Homo sapiens non ha ancora fallito.

Stiamo fallendo, ma c’è ancora tempo per cambiare tutto. Possiamo ancora sistemare ciò che abbiamo fatto. Abbiamo ancora tutto nelle nostre mani, a meno che riconosciamo i fallimenti dei nostri attuali sistemi.

Siamo di fronte a un disastro di sofferenze inespresse per una quantità enorme di persone. E ora non è il momento di parlare in modo educato o di concentrarsi su ciò che possiamo o non possiamo dire. Adesso è il momento di parlare chiaramente.

Risolvere la crisi climatica è la sfida più grande e complessa che l’Homo sapiens abbia mai affrontato. La soluzione principale, tuttavia, è così semplice che anche un bambino piccolo può capirlo. Dobbiamo fermare le nostre emissioni di gas serra.

O lo facciamo o non lo facciamo.

O impediamo l’1,5 ° C di riscaldamento o non lo facciamo. O evitiamo di scatenare quella irreversibile reazione a catena al di là del controllo umano o non lo facciamo.

O scegliamo di andare avanti come civiltà o no. Questo è il nero o il bianco. Non ci sono aree grigie quando si tratta di sopravvivenza.

Abbiamo tutti una scelta. Possiamo creare un’azione di trasformazione che salvaguardi le condizioni di vita per le generazioni future. Oppure possiamo continuare come al solito con i nostri affari e fallire.

Dipende da tutti, da te e da me.

Alcuni dicono che non dovremmo impegnarci nell’attivismo. Invece dovremmo lasciare tutto ai nostri politici e votare invece per un cambiamento. Ma cosa facciamo quando non c’è volontà politica? Cosa facciamo quando la politica non lo fa?

Qui a Davos – proprio come ovunque – tutti parlano di soldi. Sembra che i soldi e la crescita siano le nostre uniche preoccupazioni principali.

E poiché la crisi climatica non è mai stata trattata come una crisi, le persone semplicemente non sono consapevoli delle piene conseguenze sulla nostra vita quotidiana. Le persone non sono consapevoli che esiste un budget per il carbonio e quanto incredibilmente piccolo è il budget di carbonio rimanente.

Questo deve cambiare oggi.

Nessun’altra sfida attuale può eguagliare l’importanza di stabilire una importante consapevolezza pubblica, che dovrebbe, e deve, diventare la nostra nuova valuta globale e il cuore stesso della nostra economia, futura e presente.

Siamo in un momento storico in cui tutti, con una visione della crisi climatica che minaccia la nostra civiltà e l’intera biosfera, devono esprimersi con un linguaggio chiaro, a prescindere da quanto scomoda e non redditizia sia la realtà.

Dobbiamo cambiare quasi tutto nella nostre società attuale. Più grande è la nostra impronta di carbonio, maggiore è il nostro dovere morale.

Gli adulti continuano a dire: “Dobbiamo dare ai giovani la speranza”. Ma non voglio la vostra speranza. Voglio che entriate nel panico, voglio che sentiate la paura che provo ogni giorno.

Voglio che agiate. Voglio che agiate come se la nostra casa fosse in fiamme. Perché è così.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.