- #InformazioneFormazioneAzione - Mail:capriatesg5stelle@gmail.com - WhatsApp:+393343992898 -

mercoledì 19 dicembre 2018

Prevenzione e contrasto del gioco d’azzardo patologico.

Il disturbo da gioco d’azzardo non è solo un fenomeno sociale, ma è una vera e propria patologia, che rende incapaci di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o fare scommesse in denaro.

Si tratta di una patologia che ha in comune con la dipendenza da sostanze il comportamento compulsivo che produce effetti sulle relazioni sociali o sulla salute seriamente invalidanti.


Ogni giorno le notizie di cronaca indicano che la ludopatia è un fenomeno molto preoccupante e nei Comuni lombardi è in costante ascesa il consumo di gioco d’azzardo. Nel 2017 gli abitanti della regione hanno puntato al gioco legale ben 18,1 miliardi di euro (comprese le quote redistribuite in vincite) contro i 17,5 miliardi dell’anno precedente.

Per questo il nostro gruppo ha chiesto al Sindaco Vittorino Verdi e all'Assessore competente:
  • quali siano le azioni che questa Amministrazione intende intraprendere per contrastare il problema del Gioco d’azzardo patologico
  • se e quali azioni sono state pianificate per dare seguito alle finalità della Legge Regionale n. 8/2013, con particolare riferimento a quelle demandate alla Polizia Locale
  • quante verifiche, fino a oggi, ha posto in essere la Polizia locale nell'ambito della propria attività di controllo, con richiesta di sapere, tra quelle effettuate, quante siano sfociate in accertamento di violazione sulla mancata partecipazione ai corsi di formazione per i gestori delle sale da gioco e quante, invece, hanno avuto un esito regolare.


Qua sotto potete leggere la nostra domanda completa inviata via PEC al Comune di Capriate San Gervasio.


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.