Post

Visualizzazione dei post da maggio 28, 2017

Gazzetta dell'Adda del 3 giugno 2017 - Pagina Capriate San Gervasio

Immagine
INCREDIBILE Domenica in piazza Vittoria per fermare un 43enne sono stati necessari pattuglie dell’Arma e i sanitari. Dà di matto e minaccia i passanti in pieno centro. Ha dato in escandescenze in pieno centro storico e, alla fine, per calmarlo, è stato necessario l’intervento della forza pubblica e dei sanitari. Il fatto è avvenuto domenica, verso le 19.35 in piazza Vittoria, di fronte alla parrocchiale e a poche decine di metri dal Municipio. Un quarantatreenne, residente in paese, ha cominciato inspiegabilmente a dare di matto inveendo e mostrando un comportamento aggressivo contro le persone che in quel momento uscivano dalla funzione... EVENTO «Quarant’anni d’in...Canto» Sabato nella chiesa di San Gervasio sono risuonate le voci dell’omonimo coro che ha festeggiato così un importante anniversario. Il direttore Gaspani: «Siamo partiti in venti e ora siamo una settantina, accompagnavamo solo le messe, mentre ora ci diamo anche alla lirica». «Quarant’anni d’in...Canto» per il coro

Spreco alimentare, ogni anno in Europa 88 milioni di tonnellate di cibo diventano rifiuti

Immagine
Ogni anno in Europa 88 milioni di tonnellate di cibo diventano rifiuti e al contempo 55 milioni di cittadini Ue non riescono a permettersi un pasto di qualità. I prodotti alimentari vengono persi e sprecati lungo tutta la filiera alimentare: nelle aziende agricole, nella lavorazione e produzione, nei negozi, nei ristoranti e in casa. Sempre secondo stime, i settori che in media contribuiscono maggiormente allo spreco dei generi alimentari nell’Ue sono le famiglie (53%) e l’industria della trasformazione alimentare (19%). È necessario che i consumatori siano meglio informati sullo spreco di cibo e sulle sue cause. Secondo un sondaggio dell’Eurobarometro la data di scadenza sui prodotti alimentari è mal compresa, anche se quasi 6 su 10 europei dicono di controllare sempre le diciture “da consumarsi preferibilmente entro” e “da consumarsi entro” sulle etichette.  L’incomprensione riguardo alle date di scadenza contribuisce all’aumento dei tassi di spreco. Lo spreco di cibo costituis