Post

Visualizzazione dei post da ottobre 18, 2015

Cannabis, il M5S: "Iniziamo a Bergamo il percorso per legalizzarla"

Immagine
I consiglieri comunali Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni avanzano la mozione per invitare il Comune di Bergamo a farsi promotore col governo di un percorso di legalizzazione dei derivati della cannabis a fini di commercio, produzione e vendita. Il Comune di Bergamo come promotore del percorso di legalizzazione dei derivati della cannabis a fini di commercio, produzione e vendita, per il contrasto al narcotraffico e informazione e prevenzione sugli effetti nocivi dell'abuso delle sostanze stupefacenti: è quanto chiedono in una mozione i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni, impegnando il sindaco Giorgio Gori e la giunta comunale ad attivarsi con il Parlamento e il governo affinchè sia iniziato un confronto serio sul passaggio da un impianto di tipo proibizionistico ad un impianto di tipo legale. “Un successivo decreto – spiegano i consigliere pentastellati a supporto della propria iniziativa – potrebbe determinare le caratteristich

Il governo del Regno Unito passa a LibreOffice

Immagine
Ogni giorno sentiamo notizie di pubbliche amministrazioni che migrano ad alternative Open Source per le proprie soluzioni informatiche, a tal proposito basterebbe citare il recente caso italiano che ha visto coinvolto il Ministero della Difesa con la scelta di optare per LibreOffice.  Nelle scorse ore è arrivata una news riguardante il governo del Regno Unito che, a seguito del Cloud Transition Agreement, ha approvato la migrazione verso una piattaforma aperta e libera, basata appunto su programmi Open Source e su standard liberi come l’ODF (Open Document Format).  La partnership è stata siglata tra il CCS (Crown Commercial Service), un dipartimento del governo britannico, e la British Open Source software, controllata da Collabora Productity. La collaborazione prevede appunto la realizzazione di una suite software dedicata e di un sistema Cloud, senza contare il supporto per la migrazione a questa nuova piattaforma Open Source, nella quale è ovviamente compresa la suite

Inquinamento dell'aria della provincia di Bergamo

Immagine
La cartina qua sotto riporta la suddivisione della provincia di Bergamo per inquinamento dell'aria. Al centro di colore rosa l'area più critica che arriva fino a Treviglio, subito dopo viene la zona arancione che comprende anche Capriate San Gervasio.

Elenco delle aziende a rischio di incidente rilevante.

L'incidente di Seveso ha spinto gli Stati dell'Unione europea a dotarsi di una politica comune in materia di prevenzione dei grandi rischi industriali a partire dal 1982. La direttiva europea denominata "direttiva Seveso" (direttiva europea 82/501/CEE, recepita in Italia con il DPR 17 maggio 1988, n. 175 nella sua prima versione) impone agli stati membri di identificare i propri siti a rischio. Le aziende a rischio rilevante (Direttiva Seveso) nella sola Provincia di Bergamo sono ben 48!!! Aziende a Rischio di Incidente Rilevante

ATTENZIONE!!! Dal 1° Gennaio 2016 scatta il BAIL IN. Ecco come difendervi.

Immagine
             Cosa rischia chi ha acquistato azioni, obbligazioni o ha un deposito in conto corrente nel caso di crisi di una banca? A partire dal 1° gennaio 2016, l’eventuale crisi di una banca verrà risolta con il nuovo meccanismo detto “bail-in”: il salvataggio dell’istituto di credito, cioè, non avverrà più con soldi pubblici dello Stato e/o delle banche centrali (come è stato sino a oggi), bensì attraverso la riduzione del valore delle azioni e di alcuni crediti (come quelli dei correntisti che abbiano depositato più di 100mila euro) o la loro conversione in azioni, per assorbire le perdite e ricapitalizzare la banca in misura sufficiente a risolvere la crisi e a mantenere la fiducia del mercato. In ogni caso, va ricordato, azionisti e creditori non potranno subire perdite maggiori di quelle che sopporterebbero in caso di liquidazione della banca secondo le procedure ordinarie. La banca d’Italia ha diffuso una guida con delle FAQ sul bail-in. Eccola sintetizzata nelle slid