lunedì 28 agosto 2017

Regione Lombardia, rifiuti: bando rivolto ad enti pubblici per la realizzazione di “centri del riutilizzo”. C'è tempo fino al 22 settembre


Possono partecipare comuni (anche in forma associata), consorzi di Comuni, Unioni di comuni, Comunità Montane (solo nel caso di centri del riutilizzo a servizio di Comuni in numero almeno pari a due). Il contributo, finanziato tramite fondo regionale, sarà a fondo perduto fino alla concorrenza massima del 70% dell’importo della spesa ammissibile, e in ogni caso non oltre un massimo di 70 mila euro

C'è tempo fino al 22 settembre 2017 per partecipare al secondo bando di sostegno regionale per l’assegnazione di contributi a Enti pubblici per la realizzazione di “centri del riutilizzo” in attuazione del Programma Regionale di Gestione dei Rifiuti della Regione Lombardia. Le risorse finanziarie disponibili ammontano a 500 mila euro.

Il bando è emanato secondo i criteri approvati con delibera di Giunta regionale n. 6736 del 19/06/2017 (disponibile in allegato) ed in attuazione della delibera di Giunta regionale n. 1990 del 20/06/2014, ad oggetto: “Approvazione del Programma Regionale di Gestione dei Rifiuti (P.R.G.R.) comprensivo di Piano Regionale delle Bonifiche (P.R.B.) e dei relativi documenti previsti dalla Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.); conseguente riordino degli atti amministrativi relativi alla pianificazione di rifiuti e bonifiche - (atto da trasmettere al consiglio regionale) ” ed, in particolare, del paragrafo 12.7.3.3 dove si afferma che “L’incentivazione alla diffusione del riuso rappresenta uno degli obiettivi di prevenzione del Programma” e si dettano alcuni criteri tecnici relativi alla realizzazione e gestione dei centri del riutilizzo.

Il bando è inoltre redatto, secondo i principi della l.r. 26/2003, ai fini del raggiungimento degli obiettivi di riduzione della produzione dei rifiuti ed alla ottimizzazione delle operazioni di riutilizzo.

La prevenzione è infatti posta in cima alla gerarchia europea relativa alla gestione dei rifiuti introdotta con dalla direttiva 2008/98/CE e recepita a livello nazionale all’art. 179 del D.lgs 152/06.

Regione Lombardia intende fornire sostegno finanziario agli Enti che progettano di intervenire in tal senso attraverso la realizzazione sul proprio territorio di “Centri del riutilizzo” che contribuiscano alla riduzione della produzione di rifiuti urbani, in accordo con la sopracitata gerarchia comunitaria.

Chi può presentare la domanda

Comuni (anche in forma associata), consorzi di Comuni istituiti ai sensi del D.Lgs. 267/2000, Unioni di comuni, Comunità Montane (solo nel caso di centri del riutilizzo a servizio di Comuni in numero almeno pari a due). Il contributo, finanziato tramite fondo regionale, sarà a fondo perduto fino alla concorrenza massima del 70% dell’importo della spesa ammissibile, e in ogni caso non oltre un massimo di 70.000,00 €. Il contributo regionale verrà concesso a fondo perduto ed erogato secondo le seguenti modalità:
  • 50% ad inizio lavori;
  • 50% acquisito il collaudo o la certificazione di regolare esecuzione dei lavori e concluse le altre attività previste ed ammesse al finanziamento (in particolare spese di informazione).

Come presentare la domanda

Le domande dovranno essere presentate on-line collegandosi al sistema informativo raggiungibile all’indirizzo web www.siage.regione.lombardia.it a partire dalle ore 10.00 del giorno 10 luglio 2017 e fino alle ore 12.00 del giorno 22 settembre 2017.
Per leggere il bando nella sua interezza e per ulteriori dettagli e contatti vai alla pagina della Regione Lombardia.

da: ecodallecitta.it/edizione/mondo/



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.