sabato 4 marzo 2017

Gazzetta dell'Adda del 4 marzo 2017 - Pagina Capriate San Gervasio

EX BORGOMASTRO
«Gli amministratori dell’Isola non hanno mosso un dito quando è successo ad altri».
«Adesso è toccato a Capriate. E rimarrà qui».

Ce l'ha con tutti l'ex sindaco Cristiano Esposito che, all'indomani dell'arrivo nella città che ha governato per dieci anni, di 18 richiedenti asilo, non lesina le critiche al Governo, ai politici, e anche ai Comuni dell'Isola Bergamasca.
Per l'ex borgomastro del Carroccio, il continuo flusso di migranti verso l'Italia è anche frutto di una manipolazione politico-massmediatica. «Siamo ormai ad un livello tale che il Governo è in ginocchio davanti a questo fenomeno...


IL CASO
Domenica sera un gruppo di giovani richiedenti asilo provenienti dall’Africa sub-sahariana è arrivato in città.
Il sindaco: «Avvisata solo il giorno prima, ho pensato di togliere la fascia e dimettermi».

Sono 18 e tutti provenienti dall'Africa sub sahariana, Mali, Guinea, Gambia tutti uomini e tutti giovani intorno ai vent’anni. Sono arrivati in città domenica sera, appena 24 ore dopo una telefonata «di cortesia» della Prefettura che avvertiva il sindaco Valeria Radaelli di quanto stava accadendo, dell’arrivo di 18 richiedenti asilo, che hanno trovato ad aspettarli una struttura in uno stabile di via Ceresoli 31, nel cuore del paese a pochi passi dal Municipio...


L'OPERATORE
Ivan Falco ha sottolineato la volontà di ospitare al meglio e integrare i migranti.
«Mai un problema nelle nostre strutture».

Mali, Gambia, Guinea. Sono queste le nazioni da cui provengono i richiedenti asilo ospitati da domenica sera in un edificio di via Ceresoli. A gestire la loro presenza in città è la Lia Srl di Bergamo, la stessa che si occupa dell'ospitalità dei richiedenti asilo nella vicina Madone...


IMMIGRAZIONE
Il Responsabile immigrazione della Lega Ghisleni: «Sconcertato e preoccupato».

«Sconcertato e preoccupato». Si sente così, all'indomani dell'arrivo di 18 giovani richiedenti asilo a Capriate, il responsabile del dipartimento sicurezza e immigrazione della Lega Nord per l'Isola Bergamasca, Angelo Ghisleni...


RICHIEDENTI ASILO
Parla l’ex primo cittadino Mauro Dorici «Verificare e ascoltare i residenti».

Sulla questione dell’arrivo in città di un gruppo di richiedenti asilo è intervenuto anche l’ex sindaco Mauro Dorici. «In questi giorni ho ascoltato molti pareri contrastanti in merito all’arrivo dei 18 migranti in via Ceresoli, alle presunte responsabilità dell’Amministrazione comunale e al cinico opportunismo dei privati che concedono appartamenti per lucrare su un'emergenza...


TRA LA GENTE
Tra la gente I commenti dei capriatesi sulla vicenda che negli ultimi giorni ha mandato in fibrillazione la città.
«Sì» all’accoglienza, ma «non vogliamo casini» La comunità «ha aperto» ai giovani migranti.

«L’accoglienza è un dovere: sono persone che vengono da terribili situazioni, ma arrivati qua, devono rispettare le regole del nostro paese». Questa l’opinione dei coniugi Maria e Romano Mariani cittadini di Capriate di 72 e 79 anni...


SOLIDARIETÀ
L’amministratore della pagina Facebook «Se di Capriate se... Michele Lecchi si è trovato nell’occhio del ciclone per aver cancellato alcuni post diffamatori.

«Ringrazio per la solidarietà ma le vere vittime di quella scritta sono i ragazzi».
L’arrivo dei richiedenti asilo lo ha gettato nell’occhio del ciclone. Michele Lecchi, amministratore della pagina Facebook, Sei di Capriate se, è stato oggetto di attacchi personali con tanto di graffito sul muro di una casa di via Ceresoli con scritto: «Lecchi coerenza li ospiti tu quei negri di m....»...

POLITICA: BREMBATE E CAPRIATE
Mister X ha avanzato una singolare proposta: quella di unire, in un solo paese, i due centri più a Sud dell’Isola: Brembate e Capriate. «Da Crespi a Leolandia abbiamo già molte cose da decidere insieme, a questo punto perché non fare un sola città da 16mila abitanti?»La provocazione: «Diventiamo un unico Comune» Politica In totale ci sarebbero cinque frazioni, cinque cimiteri, quattro plessi scolastici e due fiumi.

«Capriate e Brembate? Dovrebbero diventare un unico Comune».
Suona come una bomba l’uscita di un politico locale che preferisce mantenere l’anonimato e che vedrebbe di buon occhio una fusione tra i due Comuni più a Sud dell’Isola Bergamasca.
«Ci sono tante cose su cui i due Comuni sono già chiamati a decidere insieme - ha osservato quello che chiameremo Mister X - Pensiamo a esempio agli accordi di programma per Crespi e Leolandia e il caso dei parcheggi dell’autostrada. Abbiamo insieme anche la Cuc (centrale unica di committenza), e fondere i due Comuni potrebbe anche portare più risorse al bilancio attraverso aperture del Patto di stabilità»...


Per chi volesse leggere gli articoli interamente può abbonarsi online, http://www.gazzettadelladda.it/,  oppure andare in edicola a comperare il giornale.



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.