mercoledì 14 dicembre 2016

Sostegno alle PMI: Nuova Sabatini prororagata fino al 2018

Alcuni importanti interventi nella nuova legge di bilancio che entrerà in vigore il 01/01/2017 puntano al sostegno delle PMI italiane ad esempio attraverso la proroga della cosiddetta "Nuova Sabatini" che prevede finanziamenti per impianti e beni strumentali.


Il termine per la concessione dei finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte delle PMI di cui all’articolo 2, comma 2, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, è prorogato al 31 dicembre 2018.

Al fine di favorire la transizione del sistema produttivo nazionale verso la manifattura digitale e di incrementare l’innovazione e l’efficienza del sistema imprenditoriale, anche tramite l’innovazione di processo o di prodotto, le imprese di micro, piccola e media dimensione possono accedere ai finanziamenti e ai contributi di cui all’articolo 2 di cui sopra, per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie, compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID) e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

La Nuova Sabatini è una misura molto apprezzata ed utilizzata dalle PMI, soprattutto del settore manifatturiero. Ad oggi l’ammontare dei finanziamenti concessi da banche ed assicurazioni in base alla nuova Sabatini è di circa 3,2 miliardi e si arriva a 4 miliardi considerando le prenotazioni degli ultimi mesi. Sono oltre 12.000 le domande complessivamente presentate da parte di 8.700 imprese.

Tra le misure a favore delle PMI all’interno della Legge di Bilancio 2017 vi è anche il rifinanziamento per 900 milioni per il 2017 del Fondo di garanzia.

Fonte: MEF


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.