giovedì 15 settembre 2016

Qualche consiglio per ridurre l’uso della plastica

BUSTE PER LA SPESA. Quando andiamo a fare la spesa cerchiamo di portare sempre con noi una borsa, magari fatta di cotone o acquistata in un negozio equo e solidale. In questo modo eviteremo anche una spesa inutile.

ELIMINARE LE CANNUCCE. Un modo per allontanare la plastica dalla propria vita è quello di non usare più le cannucce di plastica. Basta chiedere un bicchiere al bar o al ristorante e declinare quando offrono ai bambini la cannuccia. Abituare i vostri figli a farne a meno è facile, basta non proporgliela ma dare loro una bella tazza magari piena di succo di frutta!

ACQUISTARE DETERSIVI SFUSI. Evitate il contenitore di plastica e portatene uno da casa uno da riempire di detersivo ‘alla spina’. Ormai le grandi catene di supermercati hanno quasi tutte la linea di prodotti sfusi sia per l’igiene della casa che della persona e ricordatevi che anche l’autoproduzione è un ottimo modo di risparmiare e avere rispetto per l’ambiente.

EVITARE GLI ACCENDINI DI PLASTICA. Sono dei ‘killer’ dell’ambiente, difficili da smaltire, possono rimanere inalterati anche per centinaia di anni. Se li utilizzate per fumare, peggio ancora: fanno un doppio danno. Se proprio non riuscite a farne a meno, comprate i ricaricabili: almeno ridurrete il più possibile gli sprechi.

CONSERVARE E RIUTILIZZARE I CONTENITORI DI VETRO. Conservate il vetro, lavatelo e riutilizzatelo per gli alimenti o per farne altri usi. E’ molto più sostenibile della plastica e si presta a essere lavato e sterilizzato con facilità. Grazie a molti contenitori in vetro, potrete comprare molto cibo sfuso o preparare da voi marmellate, sottaceti, sottolii…

MEGLIO IL MERCATO DEL SUPERMERCATO. Se andiamo a comprare al mercato vedremo che gli imballaggi sono cassette di legno e le buste sono di carta. Inoltre possiamo acquistare prodotti a km 0, stimolando l’economia locale.

METTIAMOCI AI FORNELLI.
Non compriamo cibi surgelati, tutti divisi e conservati in buste o vaschette di plastica. Se puoi, creati il tuo orto dove produrre da solo la materia prima dei tuoi piatti.

STOP AI PIATTI O AI BICCHIERI DI PLASTICA.
Per le tua feste puoi usare anche stoviglie di carta oppure in bioplastica, cellulosa o foglie di palma.

ACQUA FRIZZANTE.
Puoi smettere di comprare l’acqua al supermercato ma non rinunciare alle bollicine. Ci sono molti metodi ormai che ti permettono di farla in casa, o di recarsi alle casette dell'acqua.

COMPRA A PESO.
In tantissime città italiane sono nati dei negozi che, come nei tempi passati, consentono di acquistare prodotti di tutti i tipi a peso. Che si tratti di cereali, caffè e persino saponi per il corpo o detersivi, tutto viene offerto all’interno di appositi erogatori. Il prodotto poi è messo in contenitori che vengono portati da casa e riciclati all’infinito.

I COSMETICI CON LA PLASTICA
. Forse non tutti sanno che alcuni prodotti per la cura del viso contengono piccole quantità di plastica. Alcuni dei più impattanti per l’ambiente sono gli esfolianti, ma in alternativa esistono molti prodotti sostenibili che contengono pezzettini di nocciolo di albicocca, zucchero o gusci di mandorla, per depurare la pelle.

BASTA GOMME DA MASTICARE.
Tutte le gomme da masticare sono fatte con la plastica e capita spesso che vengano abbandonate per strada una volta che hanno esaurito il sapore. È bene ricordare che una gomma da masticare impiega secoli prima di biodegradarsi.

http://www.amicidibeppegrillocapriatesangervasio.it/


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.

Quando presente per i commenti potete usare il plugin di Facebook
Lasciando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, grazie.