martedì 3 maggio 2016

TTIP: Greenpeace pubblica 240 pagine segrete: “Zero tutele su sicurezza e ambiente”

Greenpeace Olanda, svela il Ttip (Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti) e analizza tutte le 248 pagine dei documenti segreti del trattato e arriva alla conclusione che "chi ha cura delle questioni ambientali, del benessere degli animali, dei diritti dei lavoratori o della privacy su internet dovrebbe essere preoccupato per quel che c'è in questi documenti. Il Ttip, si svela per ciò che davvero è: un grande trasferimento di poteri democratici dai cittadini al grande business.

La paura è che in Europa cadano le tutele da ogm e carne trattata con ormoni e passi in secondo piano anche la protezione dell’ambiente. E le carte riportano scontri Usa-Ue sugli appalti e sulla difesa delle denominazione originale dei vini europei.

Leggi tutti i documenti su: https://ttip-leaks.org/

Il Movimento 5 Stelle  chiede al governo di fermare i negoziati e riferire in aula. “Il governo venga a riferire in Aula per aver tenuto parlamentari e cittadini italiani all’oscuro dei contenuti allarmanti del Ttip diffusi oggi – scrivono in una nota i deputati del Movimento 5 Stelle – Perché in Germania per i parlamentari tedeschi è stato possibile consultare il testo del Ttip mentre in Italia l’esecutivo non si è mai degnato di rispondere alle interrogazioni del M5s sull’apertura della sala di lettura e sulle relative modalità di accesso?”. Gli eletti del M5s rilanciano: “Chiediamo che il governo, oltre a riferire in Aula, d’ora in poi metta in campo al più presto tutte le azioni necessarie per fermare i negoziati“.


Sabato 7 maggio a Roma si terrà una manifestazione organizzata da Stop-Ttip Italia

A questo link tutti i dettagli per partecipare.



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.