venerdì 29 aprile 2016

Canone RAI 2016: ok al nuovo decreto

Il Consiglio di Stato approva il nuovo decreto sul Canone della RAI; il Governo ha accolto tutti i rilievi e risolto le falle normative.



Dopo la precedente bocciatura, adesso il Consiglio di Stato ha dato semaforo verde al decreto che disciplina il nuovo Canone della RAI per il 2016 che come noto sarà spalmato all’interno della bolletta elettrica. Dopo i rilievi mossi dal Consiglio di Stato, il Governo è prontamente intervenuto correggendo tutte le criticità segnalate. Il nuovo testo ha, infatti, accolto tutte le proposte evidenziate dal Consiglio di Stato.

In particolare, il Governo ha argomentato meglio cosa si debba intendere per apparecchio televisivo, specificando meglio, dunque, quali fossero i terminali per i quali è d’obbligo pagare la tassa e soprattutto è stato, anche, specificato meglio che smartphone e tablet pc non sono soggetti al pagamento del Canone della RAI. Inoltre, il testo del decreto sottolinea con più precisione, anche, che si pagherà una sola volta il Canone anche nel caso del possesso di più televisori all’interno dello stesso nucleo famigliare.

Saranno arricchiti gli strumenti pubblicitari per informare il cittadino sulle nuove regole del Canone e sulle metodologie di esenzione. Aspetto ancora più importante, il Governo ha integrato anche le regole sulla privacy garantendo che i dati dei cittadini saranno trattati nel rispetto di quanto prevedono le leggi sul trattamento dei dati volute dal Garante della Privacy.
Infine, le aziende elettriche concessionarie delle riscossioni avranno compensazioni economiche garantite dall’Agenzia delle Entrate. In altri termini, non saranno i cittadini a dover pagare i costi di riscossione.

Il canone della RAI in bolletta scatterà a partire dal prossimo mese di luglio 2016.




Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.

Quando presente per i commenti potete usare il plugin di Facebook
Lasciando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, grazie.