martedì 27 ottobre 2015

Qualche passo avanti sul Diritto al cibo: entrano in legge le proposte del M5S Lombardia.

Sì all’unanimità del Consiglio regionale alla legge per il diritto al cibo. Nel corso della discussione sono stati approvati anche due ordini del giorno del M5S Lombardia sul tema della lotta alle ecomafie, in particolare alla contraffazione alimentare, e della riduzione dello spreco nella ristorazione scolastica e collettiva.
M5S Lombardia
Silvana Carcano, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “Sul tema del diritto e l’accesso al cibo, M5S è riuscito ad inserire nel testo della legge il riferimento ai sistemi agroalimentari locali e sostenibili, che pongono al centro la biodiversità. Si è aperto il tema della ricerca e dello sviluppo di nuovi modelli a cui tendere perché lo scenario è cambiato: l’era dell’abbondanza e dello spreco è finita, nei prossimi decenni bisognerà produrre meno e meglio, e a bassissimo impatto ambientale e sociale. L’errore che ha portato alla situazione attuale è stato quello di trattare l’agricoltura come un’industria. Cibo, è acqua, non possono essere gestite all’interno del mercato, in cui il prezzo è definito dall’incontro della domanda con l’offerta. Oggi la scommessa Fame Zero deve rivoluzionare l’agricoltura perché non sia più trattata solo in nome del profitto. M5S chiede una rivoluzione copernicana: l’uomo non al centro della terra ma all’interno del sistema. Proprio per questo abbiamo presentato emendamenti, accolti, per il sostegno alla ricerca e a favore della prevenzione dello spreco in maniera integrata in tutte le politiche pubbliche, con l’obiettivo dell’azzeramento delle eccedenze. Questa legge è un passo avanti nella giusta direzione e due ordini del giorno del M5S sulla lotta alle ecomafie e per la riduzione dello spreco nella ristorazione scolastica e collettiva ne ampliano la visione”.

Qui il discorso di Silvana Carcano


Via MoVimento 5 Stelle Lombardia

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.