mercoledì 28 ottobre 2015

Immigrati: approvata mozione M5S, salviamo l'Africa per ridurre i flussi

Salvare l'Africa per ridurre i flussi migratori attraverso un "piano di cooperazione allo sviluppo che rafforzi le economie locali" dei Paesi di transito e provenienza.
E' il contenuto di una mozione M5S a prima firma Maria Edera Spadoni approvata oggi dall'aula di Montecitorio.
Nel testo, sostenuto anche dalla maggioranza, i 5 Stelle chiedono di "implementare concretamente il cosiddetto Processo di Khartoum" e che l'Italia si apra a "un approccio di maggiore generosità in termini di stanziamenti nella cooperazione".
Siamo molto soddisfatti, perché finalmente anche il Parlamento ha compreso le nostre ragioni. Ora ci auguriamo che il governo attui la mozione in tempi rapidi, incluso lo stop della vendita di armi ai Paesi che non rispettano i diritti umani.
Una misura che, dunque, ci aspettiamo venga estesa anche alle dinastie del Golfo, come l'Arabia Saudita, il Qatar e il Kuwait, con cui Renzi continua a intrattenere solidi rapporti nonostante sia oramai chiaro a tutti come queste finanzino illegalmente diverse milizie terroristiche.
Non si attenda ulteriore tempo come fatto con la nostra mozione per il superamento di Dublino e la ripartizione per quote, tema affrontato solo recentemente dall'esecutivo e dall'Ue ma avanzato dal M5S a dicembre dello scorso anno.
Per iniziare a controllare in modo ordinato i flussi e le emergenze il primo passo da compiere è mettere fine a ogni guerra, ritirare i contingenti militari dispiegati nel mondo e avere memoria degli errori passati.
Ogni anno nelle zone più povere del mondo quasi 4 milioni di persone muoiono a causa della corruzione che sottrae fondi pubblici e risorse nazionali. Evasione fiscale, riciclo di denaro, società fantasma in paesi ricchi di materie prime: queste risorse rubate basterebbero ad eliminare la povertà estrema entro i prossimi 15 anni.

Via 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.

Quando presente per i commenti potete usare il plugin di Facebook
Lasciando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, grazie.