sabato 31 ottobre 2015

Droga: M5S, legali 4 piante cannabis a casa per maggiorenni

Presentato disegno di legge, 'affrontiamo questione senza pregiudizi'.
DDL S. 1858
Clicca sull'imagine per leggere l'intero fascicolo
Rendere legale la coltivazione di cannabis ai maggiorenni, per un massimo di 4 piante, permettendo la detenzione dei prodotti ottenuti per uso personale. È la proposta contenuta nel disegno di legge presentato al Senato dal Movimento 5 Stelle, a firma del senatore Lello Ciampolillo.

"Vogliamo affrontare il tema senza pregiudizi", ha detto Ciampolillo illustrando il testo al Senato e sottolineando in particolare due aspetti positivi della legalizzazione: una maggiore facilità di accesso alla cannabis per l'uso terapeutico, oggi già consentito ad alcune categorie di pazienti, e la possibilità di togliere risorse alla criminalità organizzata.

Chi vuole coltivare le piantina a casa, indica il disegno di legge, dovrà comunicarlo per iscritto alla Prefettura competente per evitare situazioni di illegalità e controlli a tappeto con spreco di risorse.

"Vogliamo affrontare il problema in maniera seria - ha spiegato l'esponente del Movimento 5 Stelle - in particolare parliamo della possibilità dei malati di potersi curare in piena tranquillità. Oggi un malato di sclerosi multipla, di Sla o di grave depressione possono utilizzare cannabis come farmaco. Ma avere cannabis terapeutica non è semplice. Dipende dalla normativa regionale. E poi, soprattutto, ha un costo eccessivo visto che l'Italia è costretta ad importarla dall'Olanda. Con questo testo il Movimento 5 stelle intende, in particolare, semplificare la vita a questi pazienti che avrebbero la possibilità di decidere di coltivare, liberamente, 4 piante in casa senza dover necessariamente ad avere rapporti con la criminalità come spesso accade per i costi elevati del prodotto in farmacia che ha anche obbligo di prescrizione. E' un piccolo passo per un grande cambiamento".


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non appaiono subito, devono essere prima approvati da un moderatore. Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione ed il vostro orientamento politico.

Chiunque è libero di esprimere le proprie opinioni anche senza registrazione scegliendo la modalità "Commenta come: Nome/URL" (il campo URL può essere lasciato vuoto); e sarebbe buona norma firmare il proprio commento esplicitando nome e cognome.

Quando presente per i commenti potete usare il plugin di Facebook
Lasciando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, grazie.