- IL 22 OTTOBRE VOTIAMO SÌ AL REFERENDUM VOLUTO DAL M5S PER LA LOMBARDIA -

martedì 15 agosto 2017

Rifiuti, che fine ha fatto il decreto con i criteri per l’assimilazione degli speciali agli urbani?

Atteso dal 1997, una sentenza del Tar Lazio ne imponeva la pubblicazione entro ieri. Ma dal governo non arrivano notizie.


Sono scaduti 2 giorni fa i 120 giorni entro i quali il ministero dell’Ambiente, di concerto con quello dello Sviluppo economico, avrebbe dovuto finalmente produrre un decreto con cui stabilire i criteri per l’assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani. A imporlo è la sentenza del Tar Lazio pubblicata lo scorso 13 aprile: 120 giorni concessi al governo per sanare quanto non fatto in vent’anni, e caduti ancora una volta nel vuoto.

Già il decreto Ronchi del 1997 (il Dlgs 22/1997) imponeva la definizione da parte dello Stato di criteri – quantitativi e qualitativi – omogenei sul territorio nazionale per l’assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani, criteri mai arrivati. La conseguenza è stata il caos, con i regolamenti comunali chiamati a supplire (ognuno in modo differente dall’altro) a quanto il governo non è stato in grado di stabilire, ovvero stabilire in quali casi e quantità i rifiuti derivanti attività produttive, commerciali e di servizio (gli speciali) possano essere assimilati agli urbani, e dunque gestiti secondo le logiche del “servizio pubblico essenziale” e i suoi costi, da coprire integralmente tramite la Tari.

Si badi che la partita è tutt’altro che marginale. Delle circa 160 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti ogni anno in Italia neanche il 20% è composto da rifiuti urbani, con l’80% dominato dagli speciali. Non c’è dunque da stupirsi che – come testimoniano le aziende di settore – i rifiuti speciali assimilati arrivino a pesare anche per il 50% dei rifiuti gestiti nell’ambito del servizio pubblico, ovvero insieme agli urbani.

Nonostante un’attesa già ventennale, la sentenza del Tar e le crescenti difficoltà dei territori, il decreto ministeriale con i criteri per l’assimilazione può attendere: la bozza prodotta dal governo e circolante a giugno non convinceva le imprese di settore, e un testo definitivo rimane lontano dall’essere reso noto.


Da: www.greenreport.it


domenica 13 agosto 2017

Gazzetta dell'Adda del 13 agosto 2017 - Pagina Capriate San Gervasio

URBANISTICA
Crespi: e’ stato adottato il piano particolareggiato. Corsa contro il tempo e Consiglio «balneare» per sottoporre lo strumento urbanistico all’Assise. In aula i politici e i tecnici estensori.

Un altro tassello è andato ad aggiungersi al complesso mosaico destinato a incidere sul futuro di Crespi d’Adda.
Mercoledì sera, infatti, il Consiglio comunale ha adottato il Piano particolareggiato per il Villaggio, riconosciuto sito del patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1995.
A votare a favore dello strumento urbanistico sono stati solo i componenti della maggioranza, mentre i rappresentanti dell’opposizione, Mauro Dorici di «Con Dorici per tutti», e Cristiano Esposito e Donatella Pirola di «Impegno in Comune», hanno preferito astenersi...


PIANO PARTICOLEGGIATO
Un punto fermo davanti alla storia.

Un punto fermo, la volontà dell’Amministrazione di far vedere quello che il Comune e i cittadini vogliono per Crespi.
E’ stata questa l’impressione che si è avuta seguendo l’iter e l’accelerazione finale per arrivare all’adozione del Piano particolareggiato per Crespi, uno strumento che l’Amministrazione comunale ha voluto portare in aula il prima possibile...


EVENTO
L’Unione commercianti capriatese sponsorizzerà le vetture della Scuderia Orobica Speed.
Il nome di Ucica sulle auto per il Mongol Rally.

Il nome di Capriate arriverà fino in Mongolia.
L’Ucica, l’associazione che riunisce al suo interno i commercianti, gli artigiani e gli imprenditori della città ha infatti deciso di sponsorizzare con i suoi colori le auto della Scuderia Orobica Speed che parteciperanno all’edizione 2018 del Mongol Rally.
Ad annunciare la decisione di Ucica di essere presente sulla livrea delle vetture che disputeranno il Mongol Rally è stato il presidente del sodalizio Giacomo Chignoli...


BREMBATE E CAPRIATE
I due Comuni speravano di aprire i posteggi in occasione di Expo. Parcheggi A4, tre anni per una firma.

Anni fa l’allora sindaco di Brembate Angelo Bonetti li aveva definiti una «cattedrale nel deserto». Poi le Amministrazioni comunali di Capriate e Brembate, avevano sperato di aprirli al pubblico, regolamentati, in occasione dell’Expo milanese nel 2015.
Attualmente, però, la situazione non è cambiata...
 



Per chi volesse leggere gli articoli interamente può abbonarsi online, http://www.gazzettadelladda.it/,  oppure andare in edicola a comperare il giornale.

Perché la scuola deve usare esclusivamente software libero.


Esistono motivazioni generali perché tutti gli utenti informatici debbano insistere con il software libero: esso offre agli utenti la libertà di poter controllare il proprio computer; con il software proprietario il computer fa quanto stabilito dal proprietario del software, non quel che vuole l’utente. Il software libero offre inoltre agli utenti la libertà di poter collaborare tra loro. Queste caratteristiche si applicano alla scuola come a qualsiasi altro soggetto. Lo scopo di questo articolo è di evidenziare le caratteristiche che si applicano in modo specifico al settore dell’istruzione.


In tutte le attività legate all’istruzione, come le scuole, deve esserci l’obbligo morale di insegnare solo software libero. Ecco i motivi.

Primo, il software libero consente alle scuole di risparmiare. Il software libero offre agli istituti scolastici, come ad ogni altro utente, la libertà di copiare e ridistribuire il software, di conseguenza il sistema didattico può farne copie per tutti i computer di tutte le scuole. Nei paesi poveri, ciò può contribuire a colmare il divario digitale.

Quest’ovvia motivazione, pur se importante nella pratica, è alquanto superficiale. E gli sviluppatori di software proprietario possono eliminare questo svantaggio donandone delle copie alle scuole. (Attenzione! Una scuola che accetti simili offerte potrebbe ritrovarsi a dover pagare per i successivi aggiornamenti). Passiamo quindi a considerare le motivazioni più profonde.
La scuola ha una missione sociale: insegnare a chi studia a diventare cittadino di una società forte, capace, indipendente, collaborativa e libera. Dovrebbe promuovere l’uso del software libero così come promuove il riciclaggio. Se la scuola insegna l’uso del software libero, gli studenti tenderanno ad usarlo anche dopo aver conseguito il diploma. Ciò aiuterà la società nel suo insieme ad evitare di essere dominata (e imbrogliata) dalle multinazionali.

Quel che la scuola dovrebbe evitare di fare è insegnare la dipendenza. Le multinazionali offrono alle scuole dei campioni gratuiti per lo stesso motivo per cui le aziende produttrici di tabacco distribuiscono sigarette gratis: creare dipendenza nei giovani. Una volta che gli studenti saranno diventati adulti, queste aziende non offriranno loro più alcuno sconto.

Il software libero consente a chi studia di poter imparare il funzionamento di un programma. Alcuni studenti, quando diventano adolescenti, vogliono imparare tutto quanto c’è da sapere riguardo al computer e al software. Sono animati dalla fervida curiosità di leggere il codice sorgente dei programmi che usano ogni giorno. Per imparare a scrivere del buon software, gli studenti devono poterne leggere e scrivere una grande quantità. Hanno bisogno di leggere e comprendere programmi reali, di uso concreto. Solo il software libero permette questo.

Il software proprietario ne respinge la sete di conoscenza; dice loro: “La conoscenza che stai cercando è un segreto: vietato imparare!” Il software libero incoraggia tutti ad imparare. La comunità del software libero rifiuta “il sacerdozio della tecnologia”, secondo cui il grande pubblico va tenuto nell’ignoranza sul funzionamento della tecnologia; noi incoraggiamo gli studenti di ogni età e situazione a leggere il codice sorgente e ad imparare tutto quello che vogliono sapere.

La più profonda motivazione in sostegno all’utilizzo del software libero nella scuola è per la formazione morale. Dalla scuola ci si aspetta l’insegnamento di fatti fondamentali e di capacità utili, ma ciò non ne esaurisce il compito. Missione fondamentale della scuola è quella di insegnare a essere cittadini coscienziosi e buoni vicini, e quindi anche ad aiutare gli altri. In campo informatico ciò significa insegnare la condivisione del software. Le scuole, a cominciare dalle elementari, dovrebbero dire ai ragazzi: “Se porti a scuola del software devi dividerlo con gli altri bambini. E devi mostrare il codice sorgente ai compagni, se qualcuno vuole imparare.”

Naturalmente la scuola deve praticare quanto predica: agli studenti dovrebbbe essere consentito copiare, portare a casa e ridistribuire ulteriormente tutto il software installato all’interno dell’istituto.

Insegnare a chi studia l’uso del software libero, e a far parte della comunità del software libero, è una lezione di educazione civica sul campo. Ciò insegna inoltre il modello del servizio pubblico anziché quello dei potentati. Il software libero dovrebbe essere usato in scuole di ogni ordine e grado.

Articolo tratto da GNU.org di Richard Stallman